domenica 12 maggio 2019

A Home with a View

Herman Yau


A Home with a View potrebbe essere il film migliore di Herman Yau in assoluto. E' tratto da una pièce teatrale, Family Surprise di Cheung Tat-ming (anche sceneggiatore del film e interprete nel ruolo del nonno); in effetti nella prima scena l'origine teatrale è dichiarata; poi il film si allarga.
L'inizio è puro populismo hongkonghese (siamo in area The House of 72 Tenants)che mette in scena una famiglia di mezzi matti: il padre risparmiatore (Francis Ng); la madre stressata (Anita Yuen) in lite coi vicini, fra cui il macellaio Lam Suet; il figlio e la figlia, due tipi diversi di balordaggine giovanile, più il nonno in sedia a rotelle. La loro unica consolazione è guardare uno spicchio di mare dalla finestra. Ed ecco che il dirimpettaio (Louis Koo, grande interpretazione di quieta malignità) blocca la vista erigendo un enorme tabellone pubblicitario sopra il suo appartamento. Come si vede, questa storia può ricordare molto a occhi italiani un racconto di Italo Calvino della serie Marcovaldo.
Il tabellone non sarebbe legale, ma la famiglia si trova impigliata nella burocrazia. Il loro oppositore è abilissimo – arriva fino a sostenere che si tratta di un'opera d'arte, e l'assemblea pubblica per decidere cosa sia arte e cosa no merita di restare negli annali del cinema comico hongkonghese. Fra i personaggi secondari c'è l'impiegato comunale Anthony Wong, che era innamorato di Anita Yuen prima che Francis Ng gliela portasse via – e la scena del loro rincontro (sono ancora innamorati) è un capolavoro di recitazione da parte di entrambi.
Quando emerge chiaro che non c'è nulla da fare, il film vira alla commedia nera, con la famiglia che comincia a pensare di uccidere l'ingombrante dirimpettaio. Proseguire oltre sarebbe spoilerare troppo. Con questo bellissimo film Yau si riallaccia certamente (in chiave di commedia appunto) ai suoi film neri del passato come The Untold Story, cui del resto accenna la conclusione – ma con un'ampiezza per così dire “sociologica” e satirica del tutto particolare.

Nessun commento: