domenica 31 agosto 2014

In morte di Fernando Sancho

Quando è morta Greta Garbo, con autentico dolore di milioni di persone, giustamente la Rai le ha reso onore, trasmettendo “La Regina Cristina” di Rouben Mamouliann (com'è bella lei in quel film!). E' giusto che, quando muore una star, appaia fuori programma un suo film a ricordarcela. Forse ricorderete che ci abbiamo anche scherzato sopra, qualche tempo fa, quando improvvisamente la televisione ha fatto credere a tutt'Italia che Liz Taylor – malata, si mormorava, di Aids – fosse morta, per il solo fatto di aver trasmesso “Cleopatra”.
Esiste, però, anche una folla di mezze star, o se preferite, quarti di star, che comprende i caratteristi, i grandi visi della serie B, gli eroi di Poverty Row. Giovedì abbiamo appreso che è morto a Madrid, a 72 anni, Fernando Sancho. Ecco: giusto adesso che le reti private, e specialmente Italia 7, alleviano la calura estiva a forza di peplum, Pierini, kung-fu (di questi non più tanti, purtroppo) e western italiani, speriamo che trasmettano uno di quei film/commemorazione anche per Sancho.
Non era un grande attore, ma quando appariva il pubblico diceva: “E' lui!”. E aveva ragione: con Clint Eastwood, Giuliano Gemma e Lee Van Cleef, il western italiano era Fernando Sancho. Grasso, sudato, inespressivo, il corpaccione pesante, gli occhietti grigiazzurri, i baffoni da tricheco, sempre stracciato e polveroso (massimo di eleganza, una vecchia giubba nera messicana con alamari e medaglie di latta), Sancho, bandito da strapazzo, è stato il “villain” ufficiale del “western spaghetti”. Perfino Christopher Lee, il vampiro per eccellenza, in un film su tre fa il buono. Fernando Sancho doveva sempre ammazzare, rapinare banche, tentare (con commovente goffaggine) di violentare donne, e poi farsi sparare dall'eroe. Viene da pensare che nella vita reale avrebbe dovuto essere immortale per compensazione, tante volte è morto alla fine del film. Non conosciamo nessuno che abbia incassato tante pallottole quanto lui.
Onesto caratterista, ci torna alla memoria in mille particine, non solo western. Poliziotto tonto preso in giro dalla bambina indemoniata ne “L'eretica” di Armando De Osorio. Dittatore sovietico dal look staliniano, amico/nemico di Raimondo Vianello ne “Il vostro superagente Flit” di Mariano Laurenti. E fra i suoi mille western citiamo solo l'archetipico “Una pistola per Ringo” di Duccio Tessari, col demenziale gioco della roulette umana. I “bandidos” capitanati da Sancho fanno sedere attorno a un tavolo rotondo i peones prigionieri e buttano sul tavolo una Colt. Parte un colpo, un “peon” cade fulminato, il bandito che aveva puntato su di lui ha vinto.
Era a tal punto “il” bandito ufficiale, Fernando Sancho, che in “Little Rita nel West” di Ferdinando Baldi – un western musicale interpretato da Rita Pavone e Lucio Dalla! - compariva, come personaggio, col proprio nome, assieme a Ringo e Django. “Arriva Sancho”. Non tocca a molti, questo.
E così, signori programmisti, dedicate un film alla memoria di Fernando Sancho, attore non da Oscar, che abbiamo molto amato. Dopo tante disciplinate morti di celluloide, se lo merita.

(Il Piccolo, agosto 1990)

2 commenti:

bla78 ha detto...

Avete saputo dell'arrivo di Agon Channel? Ci sarà Alessio Vinci direttore della parte news, Giancarlo Padovan per il calcio e stanno facendo casting per tantissimi nuovi programmi: http://www.agonchannel.it/programmi

giorgioplac ha detto...

Grande! Ma che c'entra?